"Nordera sente il valore della figura come testimonianza di una necessità interiore, come strumento di possibilità plastiche che, per quanto possano articolarsi in vari modi e posizioni, mostrano solo una parte di sé, vogliono farsi allusive fino ad evocare la totalità anche attraverso un solo aspetto del visibile".

Claudio Cerritelli, 2005